Mc Hip Hop Contest quando l’evento è ossigeno e pura adrenalina

Prevedere il futuro, uno studio sul mercato del fitness dal 2018 al 2025
7 Dicembre 2017
Il manager dal volto umano di Fredmund Malik, economista fuori dagli schemi
12 Dicembre 2017

“Mc”: “L’evento è ossigeno puro, adrenalina da formula uno e in Cruisin’ lo viviamo anche come strumento di marketing, anche perchè l’80% dei responsabili marketing delle imprese più importanti del pianeta, pensa che gli eventi siano indispensabili per il successo di un’azienda e soprattutto perché identifichiamo sempre di più “l’evento” come essenza di distinzione, supporto e consolidamento del brand e delle relazioni con il resto del mondo“.

L’Mc, negli anni, ha conquistato il cuore, la mente e la pancia dei ballerini e solo all’interno dei suoi confini si respira l’essenza della sfida e di una cultura di cui tutti parlano ma nessuno ha abbastanza background per raccontare il fascino della genesi, attraverso la memoria certificata di uomini come Ken Swift e Mr Wiggles dei Rock Steady Crew, di Jeru The Damaja, di Kurtis Blow, di Kool Dj Herc e dei vari pionieri dell’hip hop che, in 23 anni di storia, hanno certificato, con la loro presenza e testimonianza, l’evento di riferimento del movimento “urban” continentale.

2ooo crew hanno conosciuto la magia del palco Mc, oltre 40 mila street dancer hanno scritto sulla propria pelle, sui motorini e sui muri delle loro città, l’emozione di essere stati, all’Mc di Jesolo prima e di Riccione poi, ed essere parte della cultura espressa dall’Mc Hip Hop Contest di Cruisin’.

Banksy li rappresenta più di chiunque altro al mondo, con la sua arte e la sua ironia, con i suoi messaggi impressi nelle menti oltre che sui muri.

3 generazioni di piccoli uomini e donne che nel frattempo sono diventati grandi  e che hanno impattato con società imperfette sconvolte dalle atrocità della guerra, dall’inquinamento  dei mari, dei fiumi, dei laghi e dei loghi e dallo sfruttamento del lavoro fino al suo esaurimento per lasciare lo spazio all’intelligenza artificiale.

3 generazioni influenzate dalla cultura hip hop non potevano accettare il delirio delle società promozionate dalla tv di stato o da quella di sistema, e non possono identificarsi con l’ignominia del potere ed è per questo che vivono l’evento come la terra promessa, come il sogno che diventa realtà.

Vale per quanto riguarda l’Mc, ma non solo, visto che gli eventi oggi nel mondo valgono 512 miliardi di dollari, ai quali le imprese dedicano il 24% del loro budget di marketing, nella convinzione che niente possa sostituirlo qualunque sia l’obiettivo di business.

L’Mc per Cruisin’ non è l’appendice di un lavoro iniziato 25 anni fa nel mondo dell’urban dance, oppure soltanto uno strumento indispensabile per mantenere alta la competitività nel mercato, ma è un’isola dove ogni anno ospitiamo una comunità che vuole vivere la sfida con la consapevolezza del rispetto e con la speranza del cambiamento.

Manca meno di un mese all’Mc del 2018 e anche quest’anno 2000 street dancer daranno vita alla prima grande sfida dell’anno. Più di 100 crew sul palco del Pala Congressi, i migliori ballerini dalle prestigiose scuole della penisola, dalla Francia, dalla Polonia, da Hong Kong, dalla Slovenia, dalla Svizzera ed i numeri uno al mondo della danza urbana, insieme a testimonial straordinari, daranno vita ad un altro meraviglioso ed indimenticabile Mc Hip Hop Contest di Cruisin’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *